Come cancellare i follower inattivi su Twitter

cancellare i follower inattivi su Twitter

Chi vuole mettere in atto una strategia di blogging aziendale, non può sottovalutare le potenzialità di Twitter.

Infatti il social network di Dorsey è particolarmente indicato per tutte quelle realtà aziendali che vogliono promuovere i propri prodotti, o servizi, mediante la condivisione di contenuti di qualità.

Oltre a valorizzare i beni aziendali, fare content marketing con Twitter può essere molto utile anche per far accrescere la notorietà del brand ovvero per creare una community di nicchia.

In quest’ultimo caso è necessario coinvolgere la community con contenuti originali e divertenti in modo tale da migliorare le interazioni tra gli stessi utenti della rete.

Per incrementare il valore percentualistico di questo indicatore digitale, si può adottare un piccolo stratagemma ossia cancellare i follower inattivi e interagire con gli utenti più intraprendenti.

Come scoprire i follower inattivi su Twitter

Per scovare e cancellare i follower inattivi su Twitter, possiamo utilizzare un’applicazione di terze parti come ad esempio Crowdfire (scopri il tool).

Crowdfire è un’app gratuita (con ulteriori piani di abbonamento) che consente di gestire i follower sulla piattaforma di Jack Dorsey.

Infatti con questo tool è possibile visualizzare:

– Gli utenti che hanno deciso di seguirci;

– Gli utenti che hanno cancellato il nostro account;

– Gli utenti che non pubblicano contenuti da un determinato periodo di tempo;

Quest’ultimo servizio, spesso sottovalutato da chi fa marketing di impresa, è essenziale per eliminare i cosiddetti account “dormienti” e per creare una o più micro community fedeli ai valori del brand aziendale.

Come cancellare i follower inattivi su Twitter

Quindi per cancellare i follower inattivi su Twitter, è necessario registrarsi su Crowdfire e successivamente cliccare sull’omonima voce (follower inattivi).

Per quanto riguarda la registrazione, consiglio a tutti voi di utilizzare direttamente l’account di Twitter in modo tale da velocizzare il recupero delle informazioni.

Una volta conclusa la fase di registrazione, l’app sarà già in grado di indicarci tutti quegli utenti che non pubblicano contenuti da un determinato periodo di tempo.

La lista di follower inattivi sarà formata da tutti quegli account che non usano Twitter da un mese ovvero da chi ha abbandonato la piattaforma da oltre sei mesi (si può scegliere anche l’opzione tre mesi di inattività).

L’arco temporale potrà essere selezionato direttamente dal menu a tendina di Crowdfire e ciò consente di gestire la community di seguaci in modo più oculato.

Infatti è impensabile cancellare un utente che non twitta da trenta giorni, in quanto magari avrà avuto dei problemi personali o professionali che non gli hanno consentito di accedere alla piattaforma di Dorsey.

Invece è molto più logico smettere di seguire un utente che non pubblica contenuti da oltre sei mesi, visto che i social network non possono essere usati in modo occasionale.

Per cancellare il follower inattivi, si possono adottare due soluzioni:

– Cliccare sull’icona rossa simbolo dell’app;

– Cliccare sul nome utente e cancellarlo direttamente da Twitter;

Una volta cancellati tutti i follower inattivi, sarà opportuno loggarsi periodicamente dall’account di Crowdfire così da scovare nuovi utenti che hanno abbandonato la piattaforma e cancellarli dalla propria lista di follower.

Conclusioni

Cancellare i follower inattivi su Twitter è molto importante per migliorare le interazioni sul social network.

Infatti adottando questo tipo di strategia, sarà possibile ripulire la lista di follower ovvero sarà più semplice creare un gruppo di seguaci in grado di assumere il ruolo di shareholder all’interno della rete digitale.

Il web è anche condivisione

About Angelo Cerrone

Laureato con il massimo dei voti e relativa lode in Comunicazione di impresa, ho dedicato gran parte della mia vita al marketing e alla comunicazione digitale. Ho condotto alcuni studi di settore e ho realizzato l'ebook: "Come gestire l'assistenza clienti con Whatsapp".

View all posts by Angelo Cerrone →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *