Come completare il proprio profilo su WordPress

come completare il proprio profilo su WordPress

Chi gestisce un blog su WordPress ha la possibilità di completare il proprio profilo personale così da ottimizzare i meta dati sui principali motori di ricerca.

Questo processo può essere completato su qualsiasi account, ma nella maggior parte dei casi è consigliabile installare anche un plugin per la Seo – ad esempio Yoast Seo o All in one Seo – in modo tale da arricchire questa sezione di altri meta dati non presenti nella versione base di WordPress.

Come completare il proprio profilo personale su WordPress

Per completare il proprio profilo personale su WordPress è necessario: accedere alla sezione “utente”, presente in tutti i pannelli di controllo, e successivamente cliccare sulla voce “il tuo profilo.

Accedendo al proprio profilo, ogni utente può:

  • Disabilitare l’editor visuale durante la scrittura;
  • Disabilitare l’opzione di visualizzazione della sintassi;
  • Modificare i colori del pannello di amministrazione;
  • Abilitare la scorciatoia da tastiera;
  • Mostrare la barra di strumento durante la navigazione;
  • Scegliere la lingua del sito;

Oltre a queste opzioni prettamente professionali, si può:

  • Inserire il proprio nome;
  • Inserire il proprio cognome;
  • Scegliere il proprio nickname;
  • Scegliere il nome da visualizzare sul blog;

In quest’ultimo caso, ogni blogger può scegliere tra le seguenti opzioni:

  1. Nickname scelto in precedenza;
  2. Nome utente scelto durante la fase di registrazione su WordPress;
  3. Nome inserito su WordPress;
  4. Cognome inserito su WordPress;
  5. Combinazione di cognome e nome inseriti su WordPress

Nome pubblico da visualizzare su WordPress: quale scegliere?

Prima di continuare ad evidenziare i meta dati da inserire sul proprio account di WordPress, vorrei soffermarmi per qualche istante sulla scelta del nome da visualizzare sulla piattaforma di blogging più nota al mondo.

Come ho già evidenziato nel precedente paragrafo, le opzioni di scelta sono assai limitate.

Ogni utente può optare tra: nome e cognome, nickname o nome utente.

Visto che la piattaforma di Automattic è molto vulnerabile, vi consiglio di non scegliere il nome utente poiché questa opzione può essere estremamente pericolosa.

Infatti molti hacker potrebbero utilizzare lo stesso nickname per tentare di hackerare il sito web (scopri come rendere più sicuro WordPress) o, in alternativa, per rubare dati sensibili salvati sul blog.

Quindi, salvo in casi eccezionali, è opportuno nascondere il proprio nome utente così da diminuire i tentativi di hackeraggio e il relativo furto dei dati di accesso.

Come completare le informazioni di contatto su WordPress

Sempre nella sezione “il tuo profilo”, ogni blogger può inserire le proprie informazioni di contatto.

Questi dati possono coincidere, in parte, con quelli inseriti nella pagina contatti del proprio blog (scopri cosa inserire in una pagina contatti di un blog) e consentiranno allo stesso autore di mostrare le informazioni più rilevanti per essere contattato sul web.

WordPress ci chiederà:

  • Email utilizzata durante la registrazione;
  • L’url dell’eventuale sito web personale;
  • L’url dei principali social network:
  • L’username di Twitter;
  • L’eventuale pagina di Wikipedia;

Per quanto riguarda gli url dei social network, ogni utente può indicare: Facebook, Instagram, Linkedin, MySpace, Pinterest, SoundCloud, Tumblr e Youtube.

Inseriti tutti i dati di contatto, è possibile completare anche la sezione “informazioni sull’autore

Cosa inserire nelle informazioni autore su WordPress

Nella sezione “informazioni sull’autore”, ogni blogger può inserire la propria biografia nonché l’immagine profilo.

Entrambe le informazioni saranno mostrate nel box autore presente in quasi tutti i temi di WordPress e consentiranno allo stesso autore di presentarsi ai lettori del blog.

La biografia deve essere accattivante e sintetica, invece la fotografia deve avere una connotazione prettamente professionale.

Per quanto riguarda questi due elementi: il testo può essere inserito direttamente su WordPress, mentre l’immagine profilo può essere inserita solo qualora l’utente è registrato alla versione free di Wordpress (quella .com) e ha un account su Gravatar.

In tutti gli altri casi la piattaforma mostrerà, agli altri utenti, una semplice icona blu che caratterizza la maggior parte degli account non ottimizzati.

Completare il proprio profilo personale su WordPress con Yoast

Come ho già evidenziato in precedenza, per ottimizzare i dati personali su WordPress è necessario anche installare un plugin per la Seo.

In questi casi vi consiglio Yoast che rispetto ad All in one Seo è molto più semplice da configurare ed è particolarmente indicato per i blog di piccole dimensioni.

Installando Yoast Seo, la sezione “il tuo profilo” si arricchirà di un’altra voce: “impostazioni Yoast Seo.

Con questa opzione, ogni blogger potrà:

  • Scegliere il titolo per la pagina autore;
  • La meta descrizione per la pagina autore;
  • Disabilitare alcune funzioni Seo per gli autori;

Ovviamente in questo caso è necessario completare solo le prime due sezioni per ottimizzare la pagina autore sui principali motori di ricerca.

Conclusioni

Chi gestisce un blog su WordPress può inserire i meta dati personali così da ottimizzare lo stesso profilo su Google e sugli altri motori di ricerca.

Ogni blogger può: completare la propria biografia, caricare un’immagine profilo appropriata, scegliere il proprio nickname nonché indicare gli url dei social network dove è iscritto.

In tutti questi casi, le informazioni saranno molto utili per presentarsi ai lettori del blog ovvero per valorizzare la propria attività professionale all’interno degli algoritmi di Mountain View.

Il web è anche condivisione

About Angelo Cerrone

Laureato con il massimo dei voti e relativa lode in Comunicazione di impresa, ho dedicato gran parte della mia vita al marketing e alla comunicazione digitale. Ho condotto alcuni studi di settore e ho realizzato gli ebook: "Marketing Maps" e "Come gestire l'assistenza clienti con Whatsapp".

View all posts by Angelo Cerrone →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 1 =