Cercare un font con un click

Nel mio ultimo post dedicato ai tool aziendali, vi ho “presentato” What WordPress theme is that un’applicazione software in grado di rilevare il nome di un template compatibile con WordPress (scopri il tool).

Invece oggi vi voglio “illustrare” i punti di forza di Whatfont (puoi installare il tool da questo link) ossia un’estensione gratuita di Google Chrome utilizzata dai web designer per scovare il nome di uno o più font adoperati su uno specifico sito internet.

Quindi si tratta di uno strumento indispensabile per progettare una pagina web aziendale ovvero un blog professionale in quanto, nell’era digitale, anche un particolare font è in grado di differenziare l’impresa dai principali competitors.

Come trovare il font giusto per il proprio sito web

Prima di soffermarmi sulle potenzialità di questo tool è doveroso esaminare, per qualche istante, le principali modalità di ricerca, messe in atto sul web, per scegliere il font più “coerente” con i valori indicati nella mission aziendale.

Infatti, al momento, i font possono essere ricercati in due modi:

  1. Mediante il passaparola;
  2. Mediante un sito web ad hoc;

Nel primo caso il web designer sarà in grado di ricercare un determinato font mediante i consigli e i suggerimenti degli altri professionisti della rete – colleghi, esperti del settore o semplici appassionati del mondo virtuale – mentre nel secondo caso il web designer dovrà ricercare il font nei database dei siti web dedicati alla tipografia digitale.

Quindi con il passaparola, la ricerca sarà molto rapida ma spesso sarà condizionata da errori di pronuncia o da suggerimenti non in linea con le aspettative del professionista.

Invece con la ricerca fai da te, il web designer effettuerà un’analisi lunga e dettagliata di tutti i caratteri e sceglierà quello che è in grado di rappresentare l’identità aziendale.

Come cercare un font con Google Chrome

Oltre alle due modalità di ricerca appena elencate, ogni professionista digitale può utilizzare un metodo alternativo: installare Whatfont su Google Chrome e cercare il font con un semplice click.

Come già evidenziato in precedenza, l’estensione può essere installata gratuitamente sul browser di Google e utilizzata da tutti coloro che si occupano di web design e di blogging aziendale.

Come funziona Whatfont

Whatfont può essere installata come qualsiasi altra estensione di Chrome.

Dunque è sufficiente accedere allo store di Google e cliccare sul pulsante aggiungi per installare il software nella barra dei tool del proprio browser.

Una volta installata l’estensione, cliccando sull’icona sarà possibile visualizzare le seguenti voci:

  • Opzioni;
  • Rimuovi da Chrome;
  • Nascondi da menu Chrome;
  • Gestisci estensione;

Ovviamente le voci più interessanti, per chi vuole personalizzare il tool, sono opzioni e gestisci estensioni.

Con la voce “opzioni” sarà possibile modificare il colore nonché il formato dell’icona all’interno dalla toolbar.

Invece con “gestisci estensione“, ogni web designer potrà decidere di utilizzare il tool nei seguenti modi:

  • Con un click;
  • Su specifici siti web;
  • Su tutti i siti;

In tutti questi casi è sufficiente cliccare sul simbolo dell’icona, presente all’interno della barra dei tool di Chrome, per attivare l’estensione o per disattivarla.

Una volta attivata l’estensione, con il semplice passaggio del mouse sarà possibile scovare il nome del font e le relative caratteristiche.

Cercare un font con un click: conclusioni

Whatfont è un’estensione di Google Chrome in grado di rilevare il nome di un font e le relative caratteristiche.

Il software si può installare gratuitamente dallo store di Mountain View e si attiva con un semplice click.

Il web è anche condivisione

About Angelo Cerrone

Laureato con il massimo dei voti e relativa lode in Comunicazione di impresa, ho dedicato gran parte della mia vita al marketing e alla comunicazione digitale. Sono membro del Cda della CF Metal e ho realizzato gli ebook: "Marketing Maps" e "Come gestire l'assistenza clienti con Whatsapp".

View all posts by Angelo Cerrone →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + otto =