Tool alternativi a Canva

Tool alternativi a Canva
Canva è una piattaforma digitale usata da milioni di utenti per realizzare contenuti visivi da applicare nelle proprie strategie di marketing di impresa.

Come ho già spiegato in questo vecchio post (leggi qui) l’account di Canva può essere trasformato in un portfolio lavori in modo tale da “modificare” il proprio profilo in un curriculum vitae digitale.

Nonostante le potenzialità di Canva, tantissimi appassionati del settore continuano a ricercare nuove piattaforme che possono offrire gli stessi servizi, nonché le stesse prestazioni, di questo software grafico.

Infatti navigando sul web, è possibile scovare tantissimi tool alternativi a Canva che possono essere utilizzati gratuitamente o mediante la sottoscrizione di un abbonamento.

Ovviamente non tutte le piattaforme sono in grado di offrire le stesse prestazioni di questo software grafico, in quanto ci sono alcuni tool che presentano dei limiti tali da renderli inutilizzabili a livello professionale.

Quindi per facilitare il processo di ricerca, ho deciso di elencarvi cinque tool alternativi a Canva che possono essere utilizzati dai professionisti che lavorano nel campo della comunicazione di impresa ovvero da tutti coloro che si occupano di grafica creativa.

Tool alternativi a Canva: Crello

La mia presentazione parte da Crello (vedi qui) che come Canva è un software gratuito progettato per facilitare il lavoro dei social media manager o di chi fa grafica aziendale.

La registrazione alla piattaforma è molto semplice in quanto si può usare il proprio profilo Facebook, l’account di Google o in alternativa la classica procedura email e password.

Una volta effettuata la registrazione, possiamo fare il login a Crello e sfruttare tutte le potenzialità di questo tool.

Con Crello si possono realizzare ben 31 tipologie di contenuto da usare sui diversi canali di comunicazione scelti in fase strategica.

Quindi la scelta dei formati non dipenderà solo dagli obiettivi che si vogliono raggiungere ma anche dalla scelta delle piattaforme dove divulgare gli stessi contenuti.

Tra i tanti formati presenti su Crello, quello più interessante è post animati ovvero un formato che non può essere realizzato su Canva.

Tool alternativi a Canva: Genial.ly

L’altro tool alternativo a Canva è Genial.ly (vedi qui).

Anche in questo caso è possibile registrarsi alla piattaforma con un account social oppure con l’uso di un’email e di una password.

Con questo software grafico si possono realizzare presentazioni creative oppure contenuti grafici accattivanti da condividere sui social network.

Genial.ly consente di impostare le dimensioni dei formati, di modificare i contenuti testuali già predefiniti nonché di caricare immagini scaricate dai siti web dedicati alle immagini.

A differenza di Canva e Crello, con Genial.ly si possono usare meno formati grafici predefiniti e ciò può rappresentare un limite per chi lavora su più piattaforme digitali e non ha troppo tempo per progettare un contenuto da zero.

Tool alternativi a Canva: Design Wizard

Un altro tool gratuito per creare immagini grafiche accattivanti è Design Wizard (vedi qui).

A differenza delle altre piattaforme che ho presentato in precedenza, Design Wizard prevede 3 piani tariffari:

– Free: con questo piano è possibile realizzare e salvare immagini per un massimo di 15 Mb di dimensione;

– Pro: possibilità di realizzare immagini per una dimensione massima di 500 Mb e usufruire del servizio di assistenza clienti;

– Expert: con questo piano, lo spazio a disposizione aumenta a 1 Gb e si possono usare le altre funzionalità non presenti nei piani tariffati inferiori;

Il limite di Design Wizard è individuabile proprio nel limiti di spazio offerti per ogni utente.

Infatti 15 Mb per la versione gratuita non sono sufficienti per soddisfare le esigenze dei professionisti che operano nel campo del marketing di impresa.

Inoltre anche i costi degli abbonamenti mensili sembrano abbastanza elevati rispetto ai competitors che per cifre inferiori offrono servizi dello stesso livello qualitativo.

Tool alternativi a Canva: Gravit Klex

Tra i tool alternativi a Canva troviamo Gravit Klex.

Gravit Klex (vedi qui) ha un layout molto simile a quello di Canva, ma a differenza di quest’ultimo ha un numero di formati predefiniti molto limitato.

Si può usare esclusivamente per fare social media marketing oppure per gestire le attività di blogging aziendale.

La registrazione a questo tool può essere fatta con l’account di Google oppure con quello di Facebook.

In alternativa possiamo usare un’email e una password di fantasia per poter accedere, in modo del tutto gratuito, ai servizi di questo software grafico.

Nonostante i limiti dei formati, Gravit Klex è particolarmente indicato per modificare le tonalità cromatiche delle foto, realizzare effetti speciali e ricolorare determinate sezioni.

Tool alternativi a Canva: Stencil

L’ultimo tool alternativo a Canva è Stencil (vedi qui)

Anche Stencil prevede tre piani tariffari: Free, Pro e Unlimited che consentono di sfruttare tutte le potenzialità di questa piattaforma digitale.

Con la versione Free si possono creare massimo 10 immagini al mese e ciò rappresenta un limite per chi realizza i propri contenuti ogni giorno.

Dunque per poter usare Stencil in modo professionale, si può sottoscrivere l’abbonamento alla versione Pro o Unilimited.

Ma anche per la versione Pro sono previsti dei limiti mensili (circa 50 immagini) e ciò sicuramente non favorisce la diffusione del tool tra i professionisti.

Conclusioni

Chi fa marketing di impresa ha la necessità di creare immagini accattivanti per incentivare le interazioni sui media digitali e far accrescere, allo stesso tempo, la notorietà mediante i canali della comunicazione tradizionale.

Per facilitare il lavoro, possiamo usare Canva o uno dei tool che ho presentato in questo articolo.

Ogni tool ha le sue peculiarità, i suoi punti di forza nonché i suoi punti di debolezza.

Per questo motivo la scelta di una o più piattaforme dovrà essere orientata verso le sue peculiarità e i suoi punti di forza, in modo tale da consentire ad ogni professionista di raggiungere i propri obiettivi e quelli dell’azienda per cui lavora.

Il web è anche condivisione

Angelo Cerrone

Laureato con il massimo dei voti e relativa lode in Comunicazione di impresa, ho dedicato gran parte della mia vita al marketing e alla comunicazione digitale. Ho condotto alcuni studi di settore e ho realizzato l'ebook: "Come gestire l'assistenza clienti con Whatsapp".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *